Trasporto animali (cani, gatti e piccoli animali di affezione) su treni e bus di Trentino Trasporti

Il passeggero può portare con sé, gratuitamente, cani da grembo e piccoli animali d’affezione che, per le loro dimensioni, possono essere tenuti comodamente in braccio dall’accom­pagnatore.

Animali di taglia più grande sono ammessi al trasporto a disponibilità di spazio e per essi viene pagato il prezzo del corrispondente biglietto (esclusi cani guida per non vedenti e non udenti, che viaggiano gratuitamente).

In entrambi i casi gli animali viaggiano sotto la responsabilità dell’accompagnatore che deve adottare tutte le cautele e attrezzature necessarie per non arrecare danno o disturbo ai viaggiatori.

In particolare per i cani sono prescritti museruola e guinzaglio non più lungo di 1,5 metri, obbligatori entrambi per tutti i cani indipendentemente dalla taglia degli stessi, esclusi: cani guida per non vedenti e non udenti; cani addestrati a sostegno delle persone diversamente abili; cani in dotazione alle Forze armate, di polizia, di protezione civile e dei Vigili del fuoco (Ordinanza 6/8/13 del Ministero della Salute, art. 5).

Non sono ammessi animali appartenenti a specie selvatiche o pericolose.

Ogni passeggero può accompagnare un solo animale (ad eccezione della funivia Trento-Sardagna ove è ammesso anche più di un animale per passeggero, su corsa supplementare dedicata senza altri passeggeri).

Se l’animale insudicia, deteriora la vettura o provoca in qualunque modo un danno alle persone o alle cose, il proprietario è tenuto al risarcimento del danno.

Per maggiori dettagli consultare le Condizioni di trasporto

 

 

Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione.